GIRO DELLE MALGHE

Ridiculus sociosqu cursus neque cursus curae ante scelerisque vehicula.

GIRO DELLE MALGHE (CAI 63)

Per trascorrere un po’ di ore ai piedi del Monte Baldo cercate il segnavia del Cai con n. 63, sentiero che sale verso nord in direzione Pradonego, piccolissimo paese in cui si respira aria di passato. Non sarà un percorso con grandi difficoltà e vi permetterà di godere scorci mozzafiato e una pace non comune. Da qui, sempre lungo il sentiero 63, girate verso ovest e attraversate la Val Brutta fino a raggiungere Malga Montesel e salite ancora fino a prendere l’altro sentiero CAI 64 presso la Malga Colonei di Caprino, tenendo la vostra sinistra, lungo un antica mulattiera; dopo una sosta per emozionarsi davanti alle meraviglie della natura ed ammirare i mille fiori del Monte Baldo, continuate fino a arrivare alla Malga Colonei di Pesina , a questo punto è tutta discesa, sulla vostra sinistra prendete il sentiero CAI 662, passate il baito dei Grò e arrivate in un borgo che si chiama Piore (La Fabbrica), non più abitato da un secolo circa ma che racconta ancora un po’ di storia con quello che resta della chiesetta e della fabbrica in cui lavoravano molti abitanti di questi monti; qui prendete il sentiero CAI 53 passate Ca Valmenon. In certi punti vi si aprirà la piana di Caprino e il Lago di Garda verso sud con la penisola di Sirmione, l’anfiteatro morenico di Rivoli con al centro Forte Wohlgemuth che fa da sentinella. Porterete a casa un bagaglio enorme di emozioni e ricordi e vi sentirete rigenerati.